Farmaci biologici

I Farmaci Biologici rappresentano uno dei maggiori progressi ottenuti dalla medicina negli ultimi anni in campo terapeutico. La nostra Clinica Dermatologica ha partecipato attivamente a molti studi ed altri sono ancora in corso, ed i risultati finora ottenuti sono soddisfacenti. Tali farmaci, infatti, interferendo in modo selettivo, nei processi immunologici che scatenano e sostengono la psoriasi, mostrano una notevole efficacia terapeutica in tempi brevi ed una riduzione degli effetti collaterali, rispetto alle terapie tradizionali. Attualmente sono numerosi i principi attivi in sperimentazione in campo dermatologico, ma i farmaci biologici utilizzati nella psoriasi sono: l’Etanercept, l’Infliximab, l’Adalimumab e, più recentemente, l’Ustekinumab.

L’Etanercept è una proteina umana di fusione del recettore umano p75 del TNF-a con la frazione Fc dell’immunoglobulina umana IgG1. Essendo un inibitore competitivo del legame del TNFa ai propri recettori cellulari superficiali, ne impedisce l’attività biologica. Il farmaco viene attualmente impiegato nel trattamento dell’artrite reumatoide, della spondilite anchilosante, della psoriasi artropatica e delle forme severe della psoriasi. Viene somministrato per via sottocutanea ai dosaggi di 25 o 50 mg, 1 o 2 volte a settimana. Etanercept è generalmente ben tollerato ed il suo uso è stato recentemente approvato nei bambini e negli adolescenti con psoriasi a placche di grado moderato-severo, sulla base di studi condotti anche nella nostra clinica. Il più comune effetto indesiderato durante la somministrazione di etanercept è rappresentato dalla reazione al sito di iniezione.

L’Infliximab è un anticorpo monoclonale chimerico di tipo IgG1k (IgG1k), che si lega con alta specificità e affinità sia alla forma solubile che a quella trans-membrana del TNF-a, inibendone l’attività. E’ utilizzato nel trattamento della psoriasi a placche moderata-severa e della psoriasi artropatica; è impiegato anche nel trattamento della malattia di Crohn, della poliartrite reumatoide e della spondilite anchilosante. Il farmaco viene somministrato per via endovenosa al dosaggio di 5 mg/kg alle settimane 0, 2 e 6. Dopo questo regime di induzione, è prevista una somministrazione allo stesso dosaggio ogni 8 settimane di trattamento. Il trattamento è ben tollerato e gli effetti collaterali che di solito si presentano più frequentemente sono di mal di testa, nausea, dispnea, ansia e ipertensione arteriosa in concomitanza dell’infusione.

L’Adalimumab è un anticorpo monoclonale ricombinante completamente umano con un’elevata specificità e affinità per il TNF-a. E’ indistinguibile per struttura e funzione da una IgG umana endogena. Esso è attualmente utilizzato per il trattamento della psoriasi artropatica, dell’artrite reumatoide e della spondilite anchilosante. Il farmaco viene somministrato per via sottocutanea alla dose di 40 mg ogni 2 settimane. Il più comune effetto collaterale è una reazione nel sito di iniezione.

L’Ustekinumab è un anticorpo monoclonale IgG1k interamente umano diretto contro la subunità p40, che rappresenta la subunità in comune tra IL-12 e IL-23. E’ stato approvato per il trattamento della psoriasi volgare a placche di grado moderato-severo. E’ somministrato per via sottocutanea al dosaggio di 45 mg o 90 mg, al tempo zero, dopo 4 settimane e successivamente ogni 12 settimane.

Il Golimumab è un anticorpo monoclonale umano IgG1k, prodotto da una linea cellulare di ibridomi murini con tecnologia DNA ricombinante, che forma complessi stabili ad elevata affinità sia per la forma solubile, sia per quella transmembrana bioattiva del TNF-a umano, impedendone il legame ai suoi recettori. E’ stato approvato per il trattamento dell’artrite psoriasica, dell’artrite reumatoide (somministrato in concomitanza con il Methotrexate) e per la spondilite anchilosante. Viene somministrato per via sottocutanea al dosaggio di 50 mg o 100 mg (se il paziente ha un peso superiore ai 100 kg), una volta al mese sempre nello stesso giorno di ogni mese.

Il corretto impiego dei farmaci biologici necessita, chiaramente, di personale medico costantemente aggiornato ed esperto, per una scrupolosa selezione del paziente e per un attento controllo sui possibili effetti collaterali.

La nostra Clinica è stata ed è tuttora sede importante di diversi trials clinici volti a studiare l’efficacia terapeutica dei farmaci biologici, e possiamo vantare di esperienza e casistiche tra le maggiori a livello mondiale.

Per ulteriori informazioni:info@nulldermatologica.it